Vito Ingletti

Il professor Vito Ingletti è un autore di testi sulla polizia giudiziaria adottati presso gli istituti di formazione di tutti i Corpi di polizia italiani (Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Penitenziaria e Guardia Costiera) e plurimi Comandi di Polizia provinciale e municipale.

Dal 1997 al 2002 insegna diritto di polizia, diritto penale e processuale penale per l’attività di polizia giudiziaria presso la Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Vicenza e la Scuola Ufficiali dei Carabinieri di Roma.

Nel 2001 è docente di diritto penale presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, ottenendo la cattedra di diritto penale presso l’Accademia dell’Arma dei Carabinieri di Modena per l’anno accademico 2001/2002.

Negli stessi anni assume, altresì, l’incarico di docente di diritto e procedura penale per il Ministero della Giustizia, nella Scuola di formazione ed aggiornamento del personale dell’Amministrazione penitenziaria, presso la Certosa di Parma, nella Scuola del Corpo Forestale dello Stato di Cittaducale (Rieti) e nella Scuola di Polizia municipale di Roma, diventando contemporaneamente consulente della regione Veneto e della regione Puglia nella redazione dei progetti di legge per la costituzione delle rispettive scuole regionali di polizia locale.

Nel 2002 è relatore unico in corsi formativi e d’aggiornamento per personale interforze (Arma dei Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Guardia Costiera – Capitaneria di porto, Polizia provinciale e municipale) in servizio presso parchi ed aree marine protette, mentre nel 2003 è docente formatore su tematiche di reati ambientali presso la sede del CNR (Centro Nazionale Ricerche) di Bologna in corsi per dirigenti regionali addetti al comparto urbanistico-ambientale.

Nel 2004 viene chiamato a far parte della attuale Commissione Ministeriale incaricata della revisione del codice penale italiano.

Nel 2005 è professore presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma, presso la facoltà di Giurisprudenza divenendo professore titolare della cattedra di diritto di polizia e diritto dei servizi di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza nell’Accademia della Guardia di Finanza di Roma (Castelporziano) per l’Anno Accademico 2005/2006, presso cui nel 2006 insegna poteri ispettivi e di accertamento dei Corpi di polizia in tema di privacy.